PROSSIMI EVENTI SLOW


lug 18 2016

IL FRANCOBOLLO DI SLOW FOOD

Il francobollo di Slow Food: i primi 30 anni della più grande associazione internazionale no profit impegnata a ridare il giusto valore al cibo saranno festeggiati con l’emissione il 26 luglio di un francobollo da 95 centesimi di cui Poste Italiane ha diffuso l’immagine. Quale? La Chiocciola rossa più famosa al mondo, ovviamente, lo storico ed inimitabile logo di Slow Food, che fin dalla fondazione dell’associazione da parte di Carlin Petrini nel 1986 a Bra (Cuneo) nell’ambito dell’organizzazione Arci (Arci Gola), intendeva replicare polemicamente alla diffusione del fast food. Leggi tutto »

Permanent link to this article: http://www.slowfoodvalliorobiche.it/?p=20325

lug 18 2016

SUVIGNANO, LA PIÙ GRANDE TENUTA AGRICOLA DEL CENTRO ITALIA CONFISCATA ALLA MAFIA TORNA A PRODURRE

Dopo un percorso lungo e accidentato, Suvignano, tenuta confiscata alla mafia i cui terreni ricadono per 685 ettari nel comune di Monteroni d’Arbia e per 18 in quello di Murlo, in provincia di Siena, diventerà un polo agriturisrico, con produzione di olio, vino , formaggi, allevamento e anche strutture per l’ospitalità. Leggi tutto »

Permanent link to this article: http://www.slowfoodvalliorobiche.it/?p=20328

giu 26 2016

MICHAEL POLLAN, LAUREA HONORIS CAUSA A POLLENZO

La politica è molto importante, ma lo è anche la cultura, come le regole dello stare a tavola e il piacere della convivialità. Siamo in lotta con un sistema che vuole distruggere la cultura alimentare, che non vuole che mangiamo insieme, ma da soli, in auto. Il cibo non è solo carburante, è insegnamento, amore, responsabilità. E cucinare diventa un atto agricolo” perché “dobbiamo anche pensare con che cosa nutrire il pianeta. Se tutti mangiassimo come in Occidente non basterebbero 6 pianeti”. Leggi tutto »

Permanent link to this article: http://www.slowfoodvalliorobiche.it/?p=20305

mag 27 2016

CARLO PETRINI È L’AMBASCIATORE SPECIALE DELLA FAO IN EUROPA PER FAME ZERO

Ha contributo ad accrescere la consapevolezza dell’opinione pubblica europea, e non solo, sull’importanza di migliorare l’agricoltura e di assicurare catene di approvvigionamento sostenibili. E continuerà a farlo. Questo include le numerose iniziative che hanno messo in evidenza l’importanza di reintrodurre colture locali che i piccoli proprietari terrieri e i contadini di sussistenza possono produrre per il proprio consumo e vendere al mercato come mezzo per raggiungere la sicurezza alimentare”. Leggi tutto »

Permanent link to this article: http://www.slowfoodvalliorobiche.it/?p=20147